ItalianoInfo & Reservations+39.011.3186318 +39.392.6751241

Retina

La retina si trova all’interno dell’occhio. Si tratta di una struttura complessa formata da milioni di cellule dette fotorecettori che sono sensibili alla luce e che trasformano gli stimoli luminosi in impulsi elettrici.

La retina può essere colpita da diversi tipi di malattie che hanno ripercussioni gravi sulla vista, differenti a seconda della zona retinica interessata. La retina può essere anche colpita da malattie vascolari o degenerative conseguenti a patologie generali quali l’ipertensione arteriosa, il diabete o la sclerosi vascolare.

In questo specchietto riassuntivo è possibile vedere qual è la migliore terapia a seconda della malattia che interessa la retina:

Maculopatie
Maculopatia essudativa o miopica → Argon laser / Farmaci anti VEGF (Eylea)
Pucker maculare (membrana epiretinica) → Vitrectomia
Foro maculareVitrectomia

Patologie retiniche
Distacco di retinaArgon laser / Pneumoretinopessia / Cerchiaggio / Vitrectomia
Retinopatia diabeticaArgon laser / Farmaci anti VEGF / Vitrectomia
Coroidite sierosa centraleArgon laser
Trombosi della vena centrale retinica
Argon laser / Farmaci anti VEGF / Vitrectomia / Steroidi intravitreali

Distacco di Retina


Normalmente la retina è aderente alla superficie interna dell’occhio. In caso di una rottura o un foro retinico la retina può distaccarsi dal tessuto oculare a cui aderisce e accartocciarsi. La retina non è così più in grado di offrire al cervello un’immagine adeguata e la visione diviene offuscata e ridotta.

distacco di retina | oct
Distacco di retina | OCT

Il distacco di retina si verifica con maggiore frequenza in soggetti di età media con miopia medio-elevata. Raramente anche i soggetti giovani possono essere colpiti da  rotture retiniche spontanee con conseguente distacco o a seguito di un trauma contusivo oculare. Il sintomo più comune del distacco di retina è la visione di una tenda  nel campo visivo. E’ possibile anche percepire dei lampi di luce (fotopsie) o punti neri mobili (miodesopsie). Non è mai presente dolore.
 Un trattamento immediato può ridurre al minimo i danni per l’occhio.

Foro maculare


Si ha un foro maculare quando avviene una rottura nella macula, struttura che si trova al centro della retina e che rende possibile la visione centrale, come ad esempio la lettura di questo testo. I sintomi e i segni clinici presentano una lenta e progressiva distorsione delle immagini che l’occhio percepisce, con comparsa di una macchia scura.

Foro maculare
Foro maculare | OCT

La diagnosi di foro maculare si effettua con l’esame del fondo oculare: esame indispensabile e non invasivo per lo studio delle caratteristiche del foro maculare è l’OCT (tomografia ottica a coerenza di fase), che consente di visualizzare i diversi strati della retina. Nel video seguente (la vitrectomia è già stata eseguita) si vede bene la colorazione della membrana limitante interna (MLI) mediante verde di indocianina (ICG). L’asportazione della membrana limitante interna, lo scambio con aria/gas e la chiusura del foro maculare.



Coriodite Sierosa Centrale


La CSC è una malattia caratterizzata da un distacco sieroso idiopatico del neuroepitelio al polo posteriore prodotto dal passaggio di fluido dalla coroide nello spazio sottoretinico attraverso un difetto dell’epitelio pigmentato.

coroidite sierosa centrale | OCT
coroidite sierosa centrale | OCT

I sintomi consistono nella visione appannata, nella visione distorta degli oggetti e nella presenza di una macchia più o meno scura centrale. Tra gli esami diagnostici oltre alla fluorangiografia e all’angiografia con verde di indocianina, l’OCT consente di rendere evidenti le alterazioni strutturali retiniche (alterazioni degenerative e atrofia dei fotorecettori, degenerazione cistoide) che sono alla base del mancato recupero funzionale dopo la risoluzione del distacco.