ItalianoEnglishInfo & Reservations+39.011.3186318 +39.327.9003802

Lenti fachiche per correggere Miopia Ipermetropia Astigmatismo

Le lenti fachiche sono particolari lenti prodotto in silicone o collamero utili a correggere difetti della vista quali la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo, anche di grado elevato (20-25 diottrie).

Sono posizionate sia nella camera anteriore (con un appoggio angolare o irideo) che nella camera posteriore, in contiguità con la lente naturale dell’occhio, che è il cristallino e hanno la funzione di modificare il percorso dei raggi luminosi e focalizzarli sulla retina.

Il posizionamento prevede una preparazione all’intervento che consiste nell’esecuzione di un forellino nell’iride (iridectomia laser), che ha lo scopo di garantire una corretta circolazione dell’umor acqueo dopo il posizionamento della lente fachica. Si tratta di un intervento praticamente indolore, anche nella fase post-operatoria.

Quando il difetto visivo si presenta bilateralmente, è possibile intervenire prima su un occhio e poi sull’altro a distanza di un paio di giorni. Il recupero dell’acuità visiva avviene in pochissimo tempo.

Il tipo di lente impiantata è fondamentale per determinare la qualità della visione. Ecco perché l’utilizzo delle Visian ICL prodotte dalla STAAR Surgical (USA) garantiscono il miglior risultato possibile, permettendo al paziente di vedere in modo nitido, con una maggiore profondità e ampiezza di campo visivo.

Si tratta di lenti al collamero, uniche nel loro genere: infatti la sigla ICL sta ad indicare Implantable Collamer lens. La particolarità del materiale collamero risiede nella sua maggiore biocompatibilità rispetto alle lenti al silicone lenses e alla possibilità di essere piegate, necessitando quindi una incisione  minore durante la procedura chirurgica rispetto a tutti gli altri modelli di lente.


Trascrizione video:

Le lenti fachiche sono delle lenti che si impiantano all’interno dell’occhio e hanno la funzione di eliminare il difetto di vista. Questo tipo di lente viene introdotta dentro il bulbo oculare facendo una piccola apertura e va a posizionarsi in quello spazio virtuale che c’è dietro l’iride e davanti al cristallino; in questo piccolo spazietto si inserisce questa lente che ha l’aspetto di una lente a contatto ma al contrario di quest’ultima, anziché essere appoggiata sulla superficie corneale, (il paziente se la mette e ci vede e non appena se la toglie non ci vede più) il chirurgo va ad inserire all’interno dell’occhio una speciale lente a contatto, invisibile all’esterno, stabile, che abbia il potere che ci interessa per correggere il difetto di vista del paziente e in teoria non si tocca mai più: non è una lente che la sera va rimossa, non va fatta una manutenzione e non va pulita, bensì è una lente fatta per restare all’interno dell’occhio tutta la vita.

Tutto ciò non significa che un giorno non possa essere rimossa, nel senso che il giorno in cui viene la cataratta o un qualsiasi tipo di problema all’occhio la lente può essere rimossa, quindi è una chirurgia reversibile che ci mette in condizione di preservare l’occhio, perché non tocchiamo la cornea come nel laser, quindi non portiamo via tessuto, non tocchiamo il cristallino o il vitreo e non tocchiamo l’occhio; questo per dire che inseriamo questa piccola protesi che serve per mettere a fuoco e per vedere ma tutte le altre strutture dell’occhio rimangono inalterate, quindi non ci sono problemi di occhio secchio o cambiamenti di curvatura della cornea, non ci sono problemi di assottigliamento corneale e non c’è più il problema di fare l’errore nella misurazione della pressione dell’occhio (cosa che accade dopo la chirurgia laser); non asportiamo il cristallino e questo è un aspetto molto importante perché è rischioso asportare il cristallino trasparente in un occhio miope di un paziente giovane, perché i rischi di distacco di retina sono concreti, quindi l’impianto di una lente fachica è molto cosmetico e conservativo.

Queste lenti hanno anche i filtri per i raggi ultravioletti, quindi preservano il cristallino e preservano la retina; sono delle lenti che mimano l’uso di un occhiale da sole filtrato, quindi è come avere l’occhiale da sole sempre indossato.

La lente fachica da camera posteriore, in collamero, è una lente che ha un milione di impianti sulle spalle, quasi 25 anni di follow-up e nessuna di queste lenti è stata mai espiantata per colpa della lente stessa e ciò vuol dire che è una lente estremamente sicura e il materiale di cui è fatta, che è un materiale segreto, comunque a partenza del collagene suino, è un materiale risultato biocompatibile al 100% dal primo impianto, cioè il primo impianto che è stato fatto venticinque anni fa aveva una lente biocompatibile al 100%.

Si è evoluta nel tempo la forma che queste lenti hanno assunto e quindi sono diventate più compatibili con la forma dell’occhio, dunque l’azienda ha sviluppato un miglioramento nella forma; l’esperienza è impareggiabile, nessun’altra azienda al mondo è in grado di avere questi risultati, cioè di avere una lente impiantata in un milione di occhi di un materiale biocompatibile al 100%.

Il mercato si sta indirizzando in questa direzione negli altri paesi, quindi anche noi in Italia stiamo andando verso la direzione di una chirurgia refrattiva conservativa per la cornea, per il cristallino e per l’occhio in toto.

Dopo l’impianto di lente fachica da camera posteriore il paziente viene riabilitato in massimo 24-36 ore; è una chirurgia senza dolore, la qualità della visione è subito buona il giorno dopo e poi cresce nei giorni successivi.

Di solito si fa un impianto da un occhio e poi la settimana dopo si fa l’impianto dall’occhio controlaterale; si possono, in casi selezionati, fare impianti bilaterali.
Il paziente vede subito bene, non ha dolore, ha una qualità di visione subito molto molto elevata e alcuni riferiscono qualche alone intorno alle luci, perché la lente impiantata dentro l’occhio crea una alonatura intorno alle luci soprattutto di notte; bisogna sempre spiegarlo al paziente perché altrimenti egli si spaventa, ma questi aloni sono destinati ad essere eliminati dal cervello umano con un meccanismo di neuroadattamento e il tempo variabile è dalle tre alle quattro settimane, quindi dopo due mesi nessuno li vede più e dopo un mese il 90% dei pazienti non li vede più in maniera definitiva.

Questo è l’unico effetto collaterale significativo di questa lente, a parte vedere benissimo, non avere mai disturbi e non tornare mai più dall’oculista.


RICHIEDI SUBITO INFORMAZIONI PER RISOLVERE TUO CASO!

Ricordiamo i punti di forza:

  • NO OCCHIO SECCO
  • NO ABERRAZIONI PER CORNEA PIATTA
  • VISIONE HD
  • RECUPERO IMMEDIATO
  • NON PRECLUDE ALCUNA PROCEDURA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN FUTURO
  • PAINLESS
  • NO CORNEA SOTTILE = NO PROBLEMA CALCOLO IOL
  • NO DIMINUZIONE SENSIBILITA’ CONTRASTO
  • REVERSIBILE  = CAMBIABILE = MIGLIORABILE
  • NO CAMBIAMENTO CURVATURA CORNEALE QUINDI NESSUN PROBLEMA DI CALCOLO DELLA LENTE IOL PER FUTURO INTERVENTO DI CATARATTA

Per conoscere meglio queste lenti leggi anche queste pagine:


This post is also available in: Inglese

Call Now ButtonCHIAMA ORA